Instagram

Flickr Images

venerdì 30 dicembre 2016

Come un'isola di Monika M. [RECENSIONE]




Sinossi:
Come un’isola è forse scritto unicamente per noi donne , noi donne che ci amiamo così tanto da saper amare in modo unico, senza però tradirci mai . E’ una storia d’amore non convenzionale, complessa, forse malata, tenace , che rivela la fragilità e la forza stessa della protagonista. E’ un invito a darci una possibilità anche quando tutti i segnali indicano pericolo, vivere un amore sapendo che si verrà feriti non per ingenuità ma per coraggio, vincendo la paura del dolore che sappiamo arriverà ma che sarà nulla confrontato ad una assenza di rimpianto. E’ consapevolezza di sé, è controllo, è scelta . Lucrezia , la protagonista, allineerà la sua vita a quella di Victor convinta di poter, come sempre nella sua vita, controllare tutto . Nulla sarà più diverso da ciò che lei aveva pianificato fino a conoscere la travolgente ribellione, fiera del suo orgoglio ingaggerà una guerra con il suo stesso cuore per non concedersi ad un amore non corrisposto . Si tufferà volontariamente in due occhi crudeli e belli sapendo che vi troverà la morte per annegamento, consapevole che quel che dopo l'aspetterà non sarà più vita , ma sopravvivenza scandita da una inguaribile mancanza, dettata però dalla libertà della scelta fatta . Siamo spesso schiavi dei nostri limiti , ma quanto di noi siamo disposti a tradire per oltrepassarli ? 
Link d'acquisto:
***
Recensione:
Lucrezia, è la protagonista di questo romanzo molto particolare e che ho trovato anche in alcuni punti originale. La ragazza crede di essere stata, in una vita precedente, una strega, ma non ne è sicura e vorrebbe riappropriarsi dei suoi ricordi.
Si fa aiutare da Victor, un dominatore, che però la sottomette al suo volere e ogni volta è buona per umiliarla e farsì che lei continui ad avere bisogno di lui.
  
"Fammi rivivere quelle emozioni e forse ricorderò e saprò lasciarmi alle spalle quei ricordi che mi hanno perseguitato da bambina, rendendomi diversa da ogni altra."
Attenzione non siamo di fronte ad un libro hot, certo qui abbiamo un dominatore come il famoso Mr. Grey, ma di certo il testo non ricalca le orme del famoso “50 sfumature”.
Lucrezia, è un personaggio che conosciamo con il proseguire delle pagine, è una donna forte, indipendente e libera e quindi quest’ aspetto del suo carattere le impedisce di  obbedire a Victor e non ribellarsi.
La donna però nonostante, voglia andare via, non riesce a staccarsi dall’uomo perché capisce di amarlo, cosa non corrisposta.
Lucrezia per tutto il libro è combattuta tra l’amore per Victor e la sua forte voglia di essere libera, e la protagonista non sa decidere, prima vuole l’uomo fuori dalla sua vita ma allo stesso tempo sta male per il fatto che lui non provi i suoi stessi sentimenti.


Un romanzo che ho trovato molto particolare, sia per la tematica che per l’evolversi della storia.
Lucrezia e Victor sono due personalità molto forti a loro modo, secondo me, loro seppur sembrano essere all’inizio molto diversi, alla fine invece, si rivelano essere più simili di quanto non pensano.
Il dominatore, Victor, viene descritto anche a livello psicologico, l’autrice entra nella dinamiche che si formano in lui nel voler sottomettere un’altra persona, e di quanta felicità ci trae in questo.

L’autrice, quindi, ci rende partecipi dei suoi ragionamenti molte volte complicati e tormentati.
Dopo l’iniziale idea di ricordare il passato, il libro prende una via diversa e la storia ristagna e diventa più lenta e con pochi colpi di scena.
Lo stile è curato e ho apprezzato l’utilizzo della punteggiatura, qualche refuso è normale  e la mia attenzione non si ferma sicuramente su quello, anche  perché le piccole case editrici non utilizzano un editing professionale.
Un romanzo diverso dai soliti, con una trama strana, che stimola sicuramente nel lettore una forte curiosità.


Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...