Instagram

Flickr Images

venerdì 6 gennaio 2017

Nora e il bacio di Giuda di Monica Portiero [RECENSIONE]

Cari lettori,
ancora una recensione in questi primi giorni del 2017, oggi parliamo di “Nora e il bacio di Giuda”, romanzo di Monica Portiero edito dalla Butterfly edizioni.

Trama:
Perth, Scozia. Nora è una giovane studentessa e scrittrice emergente alle prese con l'intrigante storia di fantasmi che costituirà il corpo del suo primo romanzo. La vita le frana improvvisamente sulle spalle quando i suoi genitori muoiono in un terribile incidente d'auto. Da quel momento in poi, tutto precipita: il rapporto già precario con sua sorella Lillian, la presenza inquietante della famiglia della sorella nel suo cottage, le difficoltà economiche. Il destino, tuttavia, non è ancora stanco di giocare con lei: presto emergerà, dall'oscurità del passato, un terribile segreto di famiglia che stravolgerà per sempre la sua esistenza.

Recensione:

Non sono solita leggere libri paranormali, ma questo mi aveva colpito sia come trama che come cover, inoltre non è un fantasy come avevo inizialmente pensato.
In questo libro troviamo due storie, Nora è una delle due protagoniste mentre dall’altra parte troviamo Caterina,due narrazioni diverse una in terza  persona e l’altra in prima. A mio avviso, l’autrice nella prima persona si esprime in maniera semplice e diretta, mentre nella terza leggiamo uno stile leggermente più curato.
Nora è una scrittrice, o aspirante tale, che si divide tra il suo sogno, gli studi e la famiglia, ha un rapporto molto difficile con la sorella e sta affrontando un brutto momento, la perdita dei suoi genitori l’ha veramente scossa.
Nella storia di Nora, si nota come la ragazza non riesca ad andare d’accordo con la sorella e si capisce cosa lei nasconda e quale segreto avvolga la sua famiglia.
Intreccio,mistero, tradimento, sospetto e suspance si intrecciano in due storie, che risultano subito interessanti agli occhi del lettore.
I personaggi li ho trovati ben caratterizzati, ho adorato l’ambientazione così magica e così sinistra come può essere la Scozia, paese dove conosciamo ben tutti le leggende sui fantasmi.
Lo stile di Monica, è molto semplice, lineare ma riesce a coinvolgere il lettore con  il suo modo di scrivere, che coinvolge, appassiona, emoziona.
Come si suggerisce il titolo “il bacio di Giuda” in questo romanzo si parla anche di tradimenti,sembra quasi che nella vita tradire ormai sia diventata una cosa scontata, qualcosa dal cui guardarsi perché le persone che ci stanno accanto, sono le prime che potrebbero averlo fatto.
Molti temi vengono affrontati nel romanzo, mi ha colpito la magia dell’ambientazione, le leggende locali, i fantasmi, i legami famigliari, il mistero che di sottofondo alleggia nella storia.
Infine spero vivamente che Monica, continui a scrivere perchè lei riesce ad unire suspence e mistero e anche a raccontare delle storie credibili.





1 commento:

  1. Mi intriga moltissimo questo libro, sia per il titolo che per la trama. Lo aggiungerò alla mia lista! ;)

    Vi va di scambiarci le iscrizioni ai nostri blog?

    Vi lascio il mio indirizzo - http://booksinwonderlands.blogspot.it/

    Grazie

    A presto

    Valentina

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...