Instagram

Flickr Images

lunedì 29 febbraio 2016

Nuove uscite Newton Compton Editori






Titolo: Un giorno da favola
Autore: Fabiola D'Amico
Genere: rosa


TRAMA
Francesca è una sessuologa trentenne, single dopo una deludente storia d’amore con un uomo sposato. La sua passione sono i romanzi di ambientazione storica e sogna un amore come quello delle loro protagoniste. Un giorno, in tribunale per una causa in cui sono coinvolti due suoi clienti, incontra Christian Balardini, cinico e arrogante avvocato. Tra i due scatta subito una forte attrazione ma Francesca ha paura di aprirsi di nuovo. Si ritrova a combattere, perciò, una battaglia tra ragione e sentimento, ma non ha tempo per soffermarsi a riflettere su ciò che le sta accadendo, perché la sua migliore amica le chiede aiuto per organizzare un matrimonio in perfetto stile austeniano… per la vigilia di Natale! Così, in una girandola di avvenimenti ed equivoci, le strade di Francesca e Christian continueranno a incrociarsi. E se fosse proprio lui il suo Mr Darcy tanto atteso?



Titolo: Sei solo mio
Autore: Viviana Leo
Genere: rosa

TRAMA
Lisa conosce Dante da una vita. Lui è il migliore amico di suo fratello ed è anche il ragazzo con cui giocava quando era solo una bambina. Ma Lisa ha un segreto: lo ama follemente, fin da allora, anche se non ha mai t rovato il coraggio di confessarglielo. Dante, pugile dilettante che aspira a una carriera da professionista, sembra non ricambiare quei sentimenti, e continua a trattarla al pari di una sorella minore. Ma a volte la vita sa essere imprevedibile, mette di front e a un bivio e costringe a scegliere. Lisa sarà capace di conquistare Dante? E lui, che sembra così deciso a non aprirsi all’amore, sarà disposto a lasciarsi conquistare?




Titolo: Troppo bello per dire di no
Autore: Jessica Clare
Genere: rosa

TRAMA
Il Billionaire Boys Club è una società segreta formata da sei uomini, incredibilmente ricchi, che hanno giurato di avere successo a tutti i costi anche in amore...
Il magnate immobiliare Hunter Buchanan ha un passato oscuro, di cui porta ancora addosso le cicatrici. Per questo vive come un recluso nella sontuosa tenuta di famiglia. Hunter era disposto a rinunciare ai sentimenti, fino a quando non ha visto una donna dai lunghi capelli rossi e dalla bellezza enigmatica e ha deciso di architettare un piano per conoscerla. Gretchen Petty ha bisogno di uno stipendio e di dare una svolta alla sua vita. Così, quando le si presenta un’occasione di lavoro in una ricca tenuta a New York, la coglie al volo. Ma se può trascurare le stranezze del nuovo incarico, non le riesce invece di ignorare l’aspetto attraente del nuovo capo e il suo temperamento imprevedibile. Hunter teme che il suo piano possa fallire prima ancora di essere messo in atto, ma Gretchen gli dimostrerà che la vita può essere piena di sorprese...






Titolo: Quella notte tutto è cambiato
Autore: J.S. Cooper
Genere: rosa


TRAMA
Mi chiamo Rhett. Sono presuntuoso perché me lo posso permettere: ho lo sguardo adatto, i soldi, ci so fare. Sono quello con cui ogni ragazza vuole stare, anche se nessuna di loro è stata mai capace di legarmi a sé. Non voglio relazioni. Né mi sposerò mai. Ogni settimana c’è una donna diversa nel mio letto. I miei amici sono gelosi di me. I miei nemici m’invidiano. Chiunque vorrebbe essere al mio posto. E tutto nella mia vita è assolutamente perfetto. Il mio primo bacio a scuola è stato con Clementine. Lei è simpatica. Abbiamo sempre condiviso tutto. Ma non siamo mai stati insieme perché io non la amo. E proprio non m’interessa se si è innamorata di un altro e ha...

Titolo: Invisibile 
Autore: David Levithan - Andrea Cremer
Genere: fantasy


TRAMA
Stephen è abituato a non essere notato. È nato così. Invisibile. A causa di una maledizione. Elizabeth ha desiderato spesso di essere invisibile. Se la gente non ti vede, nessuno può ferirti. Quando i due si incontrano però, qualcosa cambia per sempre nelle loro vite. Stephen si accorge con stupore che Elizabeth riesce a vederlo, e la ragazza si rende conto che desidera essere vista da Stephen, che non ha paura di mostrarsi a lui. Cosa sta succedendo? Da dove ha origine la maledizione che pesa sulla famiglia di Stephen? All’improvviso i ragazzi si ritrovano catapultati in un mondo segreto popolato da maghi e stregoni, di fronte a una scelta difficile, che mette in gioco il loro amore e le loro vite.


venerdì 26 febbraio 2016

Scrittori emergenti al femminile [ANTEPRIMA]#6


Una scintilla nell'oscurità di Emanuela Riva 






Titolo: Una scintilla nell'oscurità 
Autrice: Emanuela Riva
Genere: fantasy/rosa
Editore: self-publishing 



Sinossi:

Emma Sullivan è una ragazza semplice, altruista e molto testarda, che vive con suo fratello maggiore a Baselga, un paesino nel Trentino. Insieme cercano di superare lo shock della perdita dei genitori, Amelia e Christopher, uccisi due anni prima da due rapinatori. In seguito alla loro morte, la ragazza inizia a fare incubi ricorrenti. Un giorno Emma si reca al centro commerciale, insieme alle sue migliori amiche, e incontra Adam Cooper, un uomo arrogante e bellissimo, destinato a cambiarle per sempre la vita. Ma dietro quel volto bello e fiero si nasconde una creatura mitologica creata da Dio in epoche lontane. E ben presto per Emma le cose si metteranno male, soprattutto quando si imbatterà nel vescovo Francesco Doria e il suo aiutante don Carlos, finendo coinvolta nella più antica delle faide: la lotta tra il bene e il male.



Sull'autrice: 

Mi chiamo Emanuela Riva, classe 1985, commessa in un negozio di abbigliamento e nel tempo libero, aspirante scrittrice. Amo la lettura di romanzi urban fantasy, ma anche di altro genere non li disdegno. Però la trama mi deve catturare. "Amo follemente la signora in giallo". Se riesco mi dedico anche al disegno. Sono una persona molto testarda, romantica, e pazza perché parecchie volte lascio che sia l'impulsività a scegliere. Mi piace vivere ogni momento intensamente. La vita, le piccole cose, bisogna apprezzarle e viverle fino in fondo.



































Attesa di Irene Milani


-



Titolo del libro:Attesa (seguito de Il ritratto)
Autrice Irene Milani
isbn:978-88-6882-675-8
Genere : romanzo rosa a sfondo storico 
Editore Lettere Animate 
Uscita 12 gennaio 2016
Numero pagine 167
Prezzo e-book : 1,49
Prezzo cartaceo: al momento ancora non disponibile

Sinossi 

Perché nessuno legge Romeo e Giulietta? Non sanno che chi si ama veramente fa di tutto per superare ostacoli e vincoli? Perché bisogna sempre arrivare alla tragedia?
Cosa devono sopportare due quasi ventenni normali per poter vivere una storia d’amore osteggiata dalle famiglie e da tutti quelli che li circondano? Quanto tempo deve passare perché le ferite del passato vengano sanate? Tristan e Isolde, come due personaggi di una tragedia Shakespeariana, moderni Romeo e Giulietta proveranno sulla loro pelle quanto il rancore e la vendetta siano difficili da sradicare, con Manfred, il fratello di lui, come unico alleato.

Con l’inizio dell’Università Isolde e Tristan portano avanti, tra mille problemi e imprevisti, la loro storia clandestina. I due ragazzi vivono la situazione con sentimenti contrapposti: lui caricandosi di sensi di colpa per gli eventi del passato e per le sofferenze che provoca a Isolde, lei alternando ottimismo e sfiducia. L’unico possibile alleato pare essere il fratello di lui, Manfred. Nonostante i buoni propositi i due non riescono a trovare il coraggio per manifestare pubblicamente il proprio legame per paura delle reazioni dei familiari, finché un evento tragico permetterà l’ufficializzazione del legame tra i due giovani che finalmente potranno vivere il loro amore alla luce del sole, senza più temere i fantasmi del passato.

- Biografia dell'autrice Sono nata a Milano nel 1977, mi sono diplomata al liceo Scientifico al termine del quale ho studiato Conservazione dei Beni culturali all’Università di Parma, conseguendo la laurea nell’indirizzo archeologico. Dopo il matrimonio mi sono trasferita in provincia di Como dove abito tutt’ora. Sono un’insegnante di italiano alle scuole medie, una dei tanti famigerati precari di cui si parla nell’ultimo periodo, mamma di Mattia e Stella, di nove e tre anni. 
Ho iniziato a scrivere un po’ per sfida: essendo un’accanita lettrice spesso mi ritrovavo a criticare trama o personaggi, così mi sono detta: “Perché non ci provi anche tu?”. Così mi sono messa al computer e ho cominciato a buttar giù qualcosa, che pian piano ha iniziato a prendere forma. Il romanzo “Il Ritratto”, pubblicato con la casa editrice Lettere Animate, non è il mio primo lavoro ma quello che per primo mi ha invogliato a farlo leggere a qualcuno. La storia è nata nella mia testa un pomeriggio mentre camminavo con le cuffie nelle orecchie, proprio come la protagonista all’inizio del racconto: ho iniziato ad immaginare scene, dialoghi e situazioni che poi dovevo correre a scrivere al computer, quasi sotto dettatura

- Siti dove è possibile acquistarlo: su Amazon e i principali siti di vendita on line è disponibile il romanzo in versione digitale e cartacea. Inoltre è possibile scaricare free (anche da watt pad) lo spin off, un breve prequel della vicenda raccontata dal punto di vista del protagonista maschile, senza spoiler.



irmilan@libero.it



Dark Paradise (vol.1) di  Claudia Di Lillo SAGA: Trilogia dei Custodi


TITOLO: Custodi Dark Paradise (vol.1)
SAGA: Trilogia dei Custodi
AUTORE: Claudia Di Lillo
EDITORE: Self Publishing 
GENERE: Urban Fantasy 
PAGINE: 265
FORMATO: ebook
PREZZO: 2,99



SINOSSI: 

Se sei un angelo e infrangi le regole, se ami senza poterlo fare, se sovverti un ordine che dura da secoli, esiste punizione migliore che privarti di colui che ami e strappare dalla sua mente il tuo ricordo? Quando le portano via Nathaniel, tutto ciò che resta ad Adriel è un paradiso oscuro. 
Nate diventa umano e senza alcuna memoria del prima, si costruisce una vita divenendo un motociclista di successo. Adriel lo segue nei secoli e quando il tempo del suo oblio sta per scadere, assume le vesti di una giornalista per avvicinarsi a lui. 
Seppur privo di ricordi, Nate è pericolosamente attratto da lei e su una spiaggia spazzata dal vento la bacia. Non ha idea di cosa questo comporti: un fulmine sovrannaturale si scaglia su di loro pronto a divorare il loro amore. Scampati al pericolo i due sono costretti a dividersi. Mentre Nate si sforza di recuperare i ricordi del suo passato, Adriel è immersa nei suoi compiti di Custode dell’amore e segue Cristal e Nicole, ignara dell’importanza che i due avranno nella questione dell’Ordine cosmico. Quando Nathaniel ritorna alla sua natura, recuperando i suoi poteri, il peggio non è ancora passato. Uno dei Guardiani dell’Ordine invia Adriel nel passato per correggere il primo errore, proprio quando Nathaniel viene a conoscenza di un’allarmante verità: se Adriel riuscisse nel suo intento il loro amore dannato scomparirebbe dal tempo.

BIOGRAFIA:

Laureata in lettere, ha collaborato con diverse testate giornalistiche locali. Ama scrivere da quando, ancora bambina, chiese per regalo una macchina da scrivere, da allora non ha più smesso. 




ESTRATTO: 

Entrai grondante d’acqua e depositai all’ingresso il mucchio di legname raccolto.
Il fuoco nel camino era ancora acceso e illuminava il viso di Adrienne di un riflesso rosso. Le sue scarpe erano riverse sul tappeto. Ciocche dei suoi capelli ricadevano sulle pagine ingiallite del libro che teneva sulle gambe.
Un sorriso leggero lambì la mia bocca. Le parole non bastavano a descriverla, la dea della bellezza in persona non avrebbe retto il confronto.
Ero a qualche metro di distanza ma notai che le sue labbra si erano leggermente curvate all’insù. Mi sfilai l’impermeabile verde menta e lo appesi al gancio di legno all’entrata. Persino la camicia era fradicia. Sbottonai qualche bottone.
La sua voce calda e vibrante si accese come un quartetto d’archi.
«Scuote Amore il mio cuore, come vento sul monte si abbatte sulle querce».
Sollevò gli occhi - due turchesi finemente cesellati - solo per essere certa che l’ascoltassi.
«Subito a me il cuore si agita in petto, solo che appena ti veda, e la voce non esce, e la lingua si spezza».
Mi avvicinai, lasciando dietro di me una scia d’impronte bagnate.
«Un fuoco sottile affiora rapido alla pelle…».
Guardai le fiamme danzare sul suo viso, tra i suoi capelli. Provai un moto di gelosia. Posai lo sguardo sulle sue labbra, due boccioli appena dischiusi.
«…e gli occhi non vedono più e rombano le orecchie».
Chiuse il volume tra le mani e si alzò.
«Saffo – sussurrai – La forza dell’amore».
Mi ricompensò con il raggiante splendore del suo volto.
«Giusto».
«È questo che ti faccio? – le chiesi - ti risalgo come un brivido lungo la pelle?». Sfiorai il suo polso con le dita.
La vidi rabbrividire, tremare, inghiottirmi nel suo sguardo muto. Sembrava una disperata richiesta d’aiuto. Ma io non l’avrei aiutata.
Sbottonai l’ultimo bottone e la camicia mi lasciò scoperto un lembo di pelle. Lei sollevò la mano, l’avvicinò al mio petto con una lentezza totale, sembrava quasi che per lei l’aria avesse una densità, che la sua mano dovesse affondare, in morbide matasse d’ovatta prima di raggiungermi. Infine arrivò. Toccò il mio petto come se fosse fiamma viva sotto le sue dita e forse era vero, perché io mi sentivo un fuoco, ardente e incontenibile sotto il suo tocco. Mi sfiorò il collo con le dita sottili, seguì la linea della clavicola, sentii il calore della sua mano sulla spalla, poi tornò al torace, lo attraversò come un torrente. Ma era niente in confronto al fiume in piena che stava per riversarsi su di lei. Guardò i miei occhi socchiusi ed io m’immersi nei suoi. Erano imploranti, velati da un tormento che non riuscivo a definire.
«A questo punto dovresti fermarmi - disse - propormi di mangiare qualcosa o solamente di assaggiare una bevanda calda».
Non riuscii a trattenere un sorriso istantaneo.
«Ma io non ho fame – risposi sollevando un sopracciglio – né freddo». La presi in braccio, le sue gambe oscillarono nel vuoto e la sua testa si chinò vicino alla mia; il suo petto sfiorava il cotone bagnato della mia camicia. Ruotai su me stesso, come la terra intorno al suo asse, ma sapevo che il quarto pianeta, ruotava anche intorno al sole e il mio sole era lei. Non importava da quanto poco la conoscessi, o quanto poco sapessi sul suo conto. Quand’ero con lei sentivo di far parte di qualcosa di più grande, di più importante.
Sentivo di appartenerle.

mercoledì 24 febbraio 2016

#Intervista a Sara Di Terlizzi




1-Grazie per aver accettato l’intervista. Possiamo darti del tu?
Certamente, grazie a voi

2-Spiegaci chi sei, che lavoro fai, cosa ami fare nella tua vita?
Sono prossima alla laurea in scienze della comunicazione, per ora non ho un lavoro fisso, solo qualche lavoretto ogni tanto.  Oltre a scrivere, amo viaggiare e ritagliarmi dello spazio per leggere e guardare film, amo molto il cinema.

3-Dicono che i colori rivelano il carattere di una persona. Qual è il tuo colore preferito, e cosa può dirci di te?
Il mio colore preferito è il blu, mi ricorda molto l’oceano, il mare, l’acqua in generale.  È un colore che esprime senso di libertà e fermezza

4-Tre aggettivi per descriverti
Non amo descrivermi, ma se proprio devo scegliere tre aggettivi direi caparbia, creativa e loquace

5-Come dicono di te gli altri?
Dunque, di me dicono che sono una persona piuttosto testarda,  all’apparenza posso sembrare una persona dolce, ma conoscendomi meglio tiro fuori un lato più deciso.  I miei amici mi ritengono una persona divertente e spigliata.

6-Il giorno più bello della tua vita?
Te lo dirò quando accadrà

7-Una cosa che ti rende felice?
Mi rende felice ricevere risposte positive agli articoli che scrivo sul mio blog

8-Tre persone che stimi?
Ritengo di stimare ogni persona a cui tengo, perciò i miei familiari, e gli amici a me cari

9-Sei mai stato deluso/a?
Inevitabilmente ognuno di noi rimane deluso da qualcosa o da qualcuno, prima o tardi, perciò sì

10-Hai tatuaggi?
Ancora no, ma si vedrà

11-Cos’è per te la  scrittura?
Per me la scrittura è diventato un modo per sfogarmi di quello che mi succede, una maniera per sentirmi più vicina a chi prova quello che sto provando, un’amica, diciamo

12- A quali scrittori ti ispiri?
Sicuramente lo scrittore a cui mi ispiro maggiormente è Baricco, ma credo che ogni scrittore abbia il suo stile personale

13-Quando scrivi di notte o di giorno?

Quando ho l’ispirazione, certe cose non si possono controllare

14-Ti definisci una scrittrice impulsiva o riflessiva?
Decisamente impulsiva

15-Scrivi a mano o al computer?
Al computer, molto più comodo

16-Quando hai scritto il tuo primo libro?
Ho iniziato a scrivere il mio primo libro nel 2012, lasciandolo spesso da parte, per poi riprendere con la scrittura nel corso dei mesi

17-Da piccola volevi fare la scrittrice?
Da piccola volevo fare l’astronauta, diciamo che ho cambiato leggermente punto di vista

18-Pensi che la scrittura possa trasformarsi in un lavoro?
Bisogna avere molta fortuna per fare in modo che la scrittura diventi un vero e proprio lavoro, ma sicuramente la possibilità c’è

19-Per scrivere ti preparo una scaletta? Se si poi la segui?
No, non ho mai preparato una scaletta, scrivo di getto, sempre

20-Scrivi in ordine cronologico?
No, scrivo prima quello che mi piace, che mi viene in mente, e poi collego il tutto

21-Hai un luogo in particolare dove ami scrivere?
In inverno, vicino al camino, in estate mi piacerebbe scrivere sulla spiaggia, ma i granelli di sabbia tra i tasti del computer non sono il massimo

22-Parlaci dei tuoi libri/libro?
Il mio libro è una storia d’amore, non il classico amore qualunque, ma quello con la A maiuscola, quello per cui lotteresti sempre e comunque, qualsiasi cosa accada. Se siete mai stati davvero innamorati, se avete amato o amate qualcuno in questo modo, il mio libro fa per voi.

23-Il tuo libro/libri sono auto pubblicati o editi?
Sono editi da Lettere Animate

24-Cosa pensi dei self?
Penso siano una buona occasione, ma credo anche che le case editrici siano state create per un motivo.

25-Cosa pensi di  chi paga per farsi pubblicare?
Penso che pubblicare a pagamento sia una cosa triste. Dico davvero, perché dovrei pagare per un servizio che posso e secondo me dovrei avere gratuitamente? Se paghi per pubblicare, o non sei abbastanza bravo o non hai avuto pazienza nel cercare la CE giusta

26-Per pubblicare con una grande CE serve avere delle conoscenze o ci si può arrivare solo con le proprie forze?
Tenendo i piedi per terra, e senza sognare troppo, direi che almeno una conoscenza bisognerebbe averla. Poi, ci sono sempre le eccezioni.

27- Ami i social network? Per un autore sono croce o delizia?
Io personalmente, adoro i social network come motore di promozione. Credo che per un autore sia importante farsi conoscere e poter interagire con i propri lettori

28- Com’è il tuo rapporto con i lettori?
Per quei pochi lettori che mi seguono, cerco sempre di essere presente, di condividere una parte della mia vita

29- Una domanda un po’ peperina, se una grossa casa editrice ti contattasse perché interessata a pubblicare qualcosa di tuo, ancora inedito, e ti dicesse che però dovresti stravolgere il tuo lavoro e fare un po’ come vogliono loro per riuscire a vendere più copie, tu accetteresti?
Dipenderebbe un po’ da quanto vorrebbero stravolgere il mio lavoro, diciamo che c’è un limite a 
tutto. La mia creatività deve essere stimolata, non limitata.

30- Quali sono le difficoltà più grandi che hai incontrato (e che stai incontrando) nella promozione del tuo libro?
Far conoscere un libro di uno scrittore esordiente non è facile. Per quanto esistano i social network, il numero di persone coinvolte è sempre limitato

31- Quanto è importante secondo te la promozione per il successo di un libro?
Su una scala da 1 a 10 direi 100. La promozione è la basa per un libro di successo

32-Cosa consigli ad una persona che si affaccia nel mondo della scrittura?
Di essere sempre se stessa, di non cambiare, di non rimanere delusa dalle persone che le remano contro e soprattutto, di ascoltare solo le critiche costruttive e mai quelle distruttive

33-Cosa o chi ha ispirato la storia che hai scritto?
La voglia di far ricordare a chi avrebbe letto il libro, che a volte la vita ci fa affrontare situazioni che mai ci saremmo aspettati

34- I personaggi sono reali o inventati?
I nomi dei personaggi sono di persone a me vicine, per alcuni personaggi mi sono ispirata alle caratteristiche di alcuni miei amici

35-Chi ti ha sostenuto in quest’avventura?
Ho avuto il sostegno della mia famiglia, e sicuramente degli amici più cari, non ce l’avrei mai fatta senza di loro

36--Ultimo libro letto?
Va’ dove ti porta il cuore di Susanna Tamaro

37-Che genere leggi?
I libri mi piacciono un po’ tutti, dai fantasy, ai rosa, agli storici, ai romanzi d’avventura, non prediligo i gialli, ma può capitare di leggerne qualcuno.

38-Da cosa scegli un nuovo romanzo da leggere, non so copertina, trama, autore ecc.?
Sicuramente la copertina e il titolo hanno la loro importanza, e una cosa che faccio spesso è leggere l’ultima frase del libro. Nella fine si può capire quanto mi piacerà la storia.

39-A quale autori non sai rinunciare?
Come dicevo prima, sicuramente Baricco, il mio autore preferito. Poi non potrei mai rinunciare ai classici, come Svevo, Verga, Marquez, Faletti, e tanti altri.

40- Di cosa hai paura?
Ho paura di rimanere sola, di morire senza aver fatto tutto quello che volevo fare, di sentirmi incompleta.

41-Dove vorresti vivere?
Se potessi scegliere una città sceglierei  New York, mi attira tutto di quel posto, ogni cosa.

42-Hai altri hobby oltre la scrittura?
Lo yoga, se possiamo definirlo un hobby

43-Qual è il tuo sogno più grande?
Per il momento, andare a New York e fare il lavoro che mi piace

44-Ti piacciono gli animali?
Sì mi piacciono, ma non riuscirei a badare ad un animale al momento

45-Credi nella magia e nel paranormale?
Credo in tante cose, ma diciamo che bisogna avere molta fede per credere in queste cose

46-Come ti immagini tra vent'anni?
Preferisco vivere giorno per giorno, senza immaginare cosa farò o dove sarò.

47-Libro preferito ed autore preferito? Perchè?
Il mio libro preferito è Senilità di Italo Svevo, oltre ad essere un classico della letteratura italiana, affronta argomenti attuali ed intesi in modo mai noioso o banale.

48-A che età ha iniziato a leggere? E con quale libro?
Ho iniziato a leggere sin da piccola, credo che il primo vero libro letto sia stato Il piccolo principe.

49-Progetti per il futuro?Un nuovo libro nel cassetto?
Assolutamente sì! Il nuovo libro sarà completamente diverso da quello appena uscito, cambierò argomento, ambientazione, tutto. Rimanete sintonizzati!

50-Che consiglio daresti agli autori che stanno leggendo questa intervista?
Non mollate alla prima difficoltà, credete sempre in quello che fate e perseguite i vostri sogni, sempre!

Grazie a Sara per l'intervista!


-

martedì 23 febbraio 2016

Blog tour The (im)perfect man di Flora A.Gallert: intervista al protagonista


Cari lettori, come state?
Oggi parliamo del nuovo romanzo di Flora Gallert, con una particolare intervista al personaggio maschile del libro Loris!

THE (IM)PERFECT MAN 
di Flora A. Gallert




Genere: Romance
Prezzo: 0,99€ oppure gratis con Kindle Unlimited
Disponibile solo su Amazon




Sinossi:
Lei è carina, un metro e sessanta di energia e vitalità, è una gran sognatrice e stagista in una agenzia di viaggio.

Lui è bello, intelligente (anche se lei non lo vuole ammettere) e collega di lavoro. La punzecchia continuamente, la irrita facendola ribollire di rabbia.
Poi, per via degli ottimi profitti, l'agenzia offre a lei l'occasione di realizzare il suo sogno e a lui di chiudere con un doloroso passato e così, con orrore di lei, i due partono insieme per un viaggio a NY.
Coincidenze e sfortunate circostanze li costringono a conoscersi e a rendere quel viaggio perfetto... o quasi! Fino a quando, al ritorno, non le vengono mostrate un paio di cose che potrebbero rovinare tutto quanto.
Un romanzo divertente e frizzante, ambientato in una New York magica e romantica, con un uomo (im)perfetto e una stagista (s)fortunata!


Intervista a Loris il protagonista maschile


-Ciao Loris, sei il protagonista assieme a Giulia del nuovo romanzo di Flora A.Gallert, ti vuoi presentare chi sei quanti anni hai, cosa fai nella vita?

Ciao. Sì, esatto. Ho 29 anni e lavoro in un’agenzia di viaggi. Adoro molto questo lavoro perché mi piace stare a contatto con le persone e perché mi permette anche di visitare nuovi posti a prezzi davvero bassi o addirittura gratuitamente.

  -Com’è il rapporto con Giulia la nuova stagista? 
(sorriso malefico)… meglio non parlarne, mi piace stuzzicarla, spesso esagero, è vero, ma devo dire che anche lei è molto permalosa.

- Sei più un narciso, un esteta? Ti piace curare il tuo corpo fare sport? 
Dico solo che vado tutti i giorni in palestra e che seguo una dieta specifica, però mi fermo qui, non faccio uso di nessuna sostanza. Modestamente il fisico che ho è solo frutto del mio duro lavoro.

-Quali sono le tue aspirazioni nell’ambito lavorativo?
Mi piace quello che faccio, sotto questo punto di vista mi sento soddisfatto.

-Qual è la tua donna ideale?
Non sono tagliato per le storie serie o per l’amore, cerco sempre donne come me: che hanno solo voglia di divertirsi e di passare qualche notte in piacevole compagnia ;)







Le tappe del blog tour



L'antico calamaio (recensione al romanzo qui)
Il rumore dei libri (personaggi del romanzo)
Fantasticando sui libri (curiosità)



venerdì 19 febbraio 2016

Scrittori emergenti al femminile [ANTEPRIMA]#5


Il silenzio del peccato di Linda Bertasi


Sinossi:
 Essex 1522. Jane Rivers ha solo sedici anni quando incontra Charles Brandon, il duca di Suffolk. Una tempesta fortuita li costringerà a ripararsi in un capanno tra i boschi e la passione li travolgerà.
Ma Jane è una serva e Charles un duca, non c’è spazio per l’amore.
I genitori della ragazza, per nascondere l’onta, la costringeranno a un matrimonio riparatore con il promettente avvocato e amico di famiglia Richard Howard. Per Jane una nuova vita si profila all’orizzonte e una tenuta opulenta in cui trascorrerla. Ma cosa nasconde questa villa e perché un gentiluomo dovrebbe scegliere di dare scandalo e sposare una contadina? Cosa si cela dietro gli incubi che da anni tormentano Jane e che riaffioreranno non appena varcata la soglia di Manor House?
Nell’Inghilterra di Enrico VIII tra seduzioni e inganni, una storia di passione e omertà che affonda le sue radici nel silenzio.

ABSTRACT: Nell’Inghilterra di Enrico VIII una storia di seduzione e inganno, di passione e omertà, dove niente è come sembra. Una serva divisa tra un duca e un ricco avvocato, tormentata da incubi inspiegabili e da un desiderio proibito.


DOVE TROVARLO:


Biografia:
Linda Bertasi nasce nel 1978.
Nel 2010 esordisce con il romance “Destino di un amore, cui fanno seguito il paranormal-romance “Il rifugio – Un amore senza tempo” che le vale il secondo premio al concorso letterario “Valle Senio” 2012, nel 2013 pubblica il romanzo storico “Il profumo del sud” che le vale la qualifica di Autore Commendevole al Premio Letterario Europeo “Massa”.
Collabora con magazine, web-magazine, lit-blog e case editrici.
È una delle fondatrici del gruppo “Io leggo il romanzo storico” ed è socia ordinaria EWWA.
Sposata e con una figlia, vive nella provincia di Ferrara dove gestisce una piccola realtà commerciale.
Per contattarla: bertasilinda@gmail.com



Come rapire un Alpha e vivere felici di  Agnes Moon
Serie: I lupi di Stockton Town # 1





Titolo: "Come rapire un Alpha e vivere felici"
Serie: I lupi di Stockton Town # 1
Autore: Agnes Moon
Pubblicato: 15 novembre 2015
Ebook: 2,99 (Amazon-Kobo)
Pagine: 174



Sinossi 

Dopo la morte dei genitori, per Ric la vita non è stata più la stessa. Niente più casa, niente più soldi, niente più scuola. Quello che gli è rimasto, sono un lavoretto da commesso, un fratello problematico e tanti sogni nel cassetto.
Quando Taylor si mette nei guai, le alternative cominciano a scarseggiare.
L’unica soluzione sembrerebbe un “ingegnoso” piano criminale. Rapire un cane e chiedere il riscatto ai facoltosi padroni.

Kirian Carmaichel, si è svegliato con una gran voglia di liberare il suo lupo. Niente di meglio di una bella scorrazzata sui prati, per cominciare bene la giornata.
Quando si imbatte in un bellissimo ragazzo, con delle invitanti polpette in mano, non riesce ad allontanarsi da quello, che subito intuisce, essere il suo compagno.
Ma ben presto…. si ritroverà in gabbia!

Riuscirà Ric a rapire il suo Alpha e vivere felice?






Titolo: "Lo strano caso del barista scomparso"
Serie: I lupi di Stockton Town # 2
Autore:
Pubblicato: 15 dicembre 2015
Ebook: 2,99 (Amazon-Kobo)
Pagine: 144


Sinossi 


Taylor Matthew ama l’azione e l’avventura e ha una speciale propensione a cacciarsi nei guai. Proprio per questo, il suo nuovo noiosissimo lavoro presso la Carmaichel & Sons gli va piuttosto stretto. Per non parlare dell’arrogante direttore esecutivo  Deryl Carmaichel, che lo tratta come un nullità… e gli provoca inaspettate sensazioni.
Un nuovo amico, un capo della sicurezza che non la conta giusta e una misteriosa scomparsa saranno l’inizio di una pericolosa avventura.
Da quel momento, il mondo che conosceva non sarà mai più lo stesso.

Deryl Carmaichel ha tutto dalla vita. Manager rampante, uomo di successo e scapolo ambito dalle più belle fanciulle dell’alta società. Peccato che la sua vita sia solo una recita…
Quando incontra lo scapestrato Taylor e lo riconosce come suo “compagno”, si rende conto che è arrivato il momento di fare delle scelte.

Ma il pericolo è in agguato e ormai potrebbe essere troppo tardi…



 Fahryon  di  Daniela Lojarro

Parte prima de Il Suono Sacro di Arjiam 





 Titolo:Fahryon – Parte prima de Il Suono Sacro di Arjiam 
 Autore:Daniela Lojarro
Genere romanzoFantasy classico
Casa editrice:GDS editrice - Luglio 2015
Pagine 290
Prezzo 2.99€
Formato Ebook (uscirà a breve in cartaceo)



 Sinossi:

Nel regno di Arjiam, Fahryon, neofita dell'Ordine sapienziale dell'Uroburo, e Uszrany, cavaliere dell'Ordine militare del Grifo, si trovano coinvolti nello scontro tra gli adepti dell'Armonia e della Malia, due forme di magia che si contendono il dominio sulla vibrazione del Suono Sacro.
Le difficoltà con cui saranno messi a confronto durante la lotta per il possesso di un magico cristallo e del trono del regno, permetteranno ai due giovani di crescere e di diventare consapevoli del loro ruolo e delle loro responsabilità in questa guerra per il potere sul mondo e sugli uomini.

·         Link





Incipit

L'estate volgeva al termine ma il sole dardeggiava ancora su Tuhtmaar, la capitale del regno di Arjiam. L'acqua scorreva lenta nel letto dei due fiumi, il Suszray e il Whahajam: sembrava adattarsi al ritmo sonnolento di quel pomeriggio afoso trascinandosi pigramente in mezzo alle canne, aggirando rocce e massi per lambire le rive con un debole sciabordio. A un tratto, la fiacca di quelle ore torride fu percorsa da un tremito e poi da una vibrazione d'energia mentre nel cielo si stagliava la sagoma di un'aquila del deserto. Il rapace sorvolò le residenze delle nobili Famiglie di Arjiam, volteggiando più volte sui lussuosi padiglioni del palazzo ter Hamadhen per poi dirigersi al Santuario del Suono Sacro sull'isola in mezzo al fiume Suszray. L'aquila penetrò nel cuore del Santuario e si posò sulla pietra di luna sospesa sulla grande vasca sacra, restando immobile, come in attesa, con gli occhi chiusi. Quando una voce di donna si elevò con dolcezza ipnotica da una delle otto cappelle del Santuario, l’aquila, spalancati gli occhi, girò il capo per fissarne l'entrata. La Magh, attratta da una consonanza incomprensibile e ignota, uscì indugiando però sulla soglia nello scorgere il rapace. Soggiogata dalla forza di quello sguardo magnetico, andò a collocarsi sotto la pietra di luna della piscina sacra, tramutando l'inno del raccoglimento in quello della contemplazione. Il canto acquisì vigore animandosi in un ritmo sempre più frenetico, mentre l'enorme gemma iniziò a vibrare. L'acqua della vasca sacra prese a ruotare rapidamente, innalzandosi in un vortice che, avvolta completamente la donna, giunse a sfiorare la pietra di luna. La voce della Magh fu incrinata da un tremore d'indecisione. Avrebbe desiderato con tutta se stessa abbandonarsi a quelle vibrazioni magiche; ma aveva promesso al suo compagno di non compiere più alcun rito per non mettere in pericolo la vita che portava in grembo. La donna tentò di smettere ma gli occhi dell'aquila tornarono a scrutarla. Il Suono Sacro, la vibrazione che aveva dato vita a tutto il Mondo e che lo animava, non avrebbe mai potuto essere pericoloso per la sua creatura. Rassicurata da quel pensiero che l’aquila pareva averle suggerito, Xhanys dispiegò la sua voce nelle sillabe arcane dell'inno sacro: affrontò con sicurezza le luminose note acute per sprofondare poi nel baratro vellutato e tenebroso di quelle gravi, cedendo al sentimento di piacere e d'ebbrezza che la stava invadendo. Suono e Silenzio, Luce e Oscurità, si cancellarono nella sua percezione e Xhanys si disciolse nella vibrazione della sua Armonia unita al Suono Sacro. L'aria si accese di lampi azzurrognoli e un improvviso scoppio agghiacciante la fece barcollare. La donna, sconvolta dalle immagini che sorgevano dal Tempo che sarebbe venuto, lanciò un urlo di terrore: l'incantesimo s'infranse, l'acqua di colpo ricadde in onde scomposte e l'aquila, dopo aver lanciato uno strido, svanì.




 I protagonisti principali del romanzo


Fahryon è una giovane donna; ed è neofita, cioè è un’aspirante Magh, studia per diventare un’iniziata ai Misteri del Suono Sacro e praticare l’Armonia. Nelle prime pagine dell’avventura, Tyrnahan, il suo mentore, s’interroga perplesso sul significato della presenza di quella ragazza dai grandi occhi scuri, i capelli bruni che le arrivano a vita, «dall’aria trasognata e dalla figura così fragile con quella carnagione così pallida da sembrare una statuina di porcellana».
All’inizio, infatti, Fahryon è piena di dubbi e incertezze, ha momenti di scoraggiamento: la missione che ha giurato di compiere le sembra al di fuori delle sue possibilità. Non è una predestinata né una prescelta: può contare solo sulle sue forze e sulla sua capacità/possibilità di scegliere e di muovere gli eventi senza avere, apparentemente, un talento o un dono particolari. Lotta accanitamente per superare gli ostacoli e le prove che si trovano sul suo cammino ma per confrontarsi con se stessa, per crescere e diventare consapevole della sua “forza”, Fahryon taglia i ponti con il suo passato e rinuncia perfino a Uszrany, l’uomo che ama.
Una spia al soldo dell’avversario descrive il Cavaliere Uszrany come un giovane «di carnagione scura, di statura superiore alla media; i capelli neri e lisci trattenuti con un laccio; il volto, senza barba o baffi, ha tratti orgogliosi ed alteri».
Già quando entra in scena s’intuisce che Uszrany non è un Cavaliere qualunque. Infatti, nonostante la giovane età e l’inesperienza, è già aiutante del Comandante della capitale, uno dei più valorosi Cavalieri del regno. Uszrany è il cavaliere per eccellenza, forte, coraggioso e, in fondo, perfino un po’ bigotto nella sua cieca fedeltà alla Regola del suo Ordine. Ma è giovane e vive le sue convinzioni con la passione, l’impulsività e l’energia di cui solo un uomo di 20 anni è capace passando da momenti di furia tremenda a momenti di passione e di dolcezza.
Però, nel giro di poche ore, per la sua stessa salvezza, si trova costretto a violare il giuramento di fedeltà che lo lega all’Ordine: il suo perfetto mondo di Cavaliere nutrito di onore e gloria, gli rovina improvvisamente addosso. Da questo momento, delusione, disillusione e mancanza di stima per se stesso s’impadroniscono di lui e diventa così la vittima ideale dell’astuto Mazdraan.
Il nobile Mazdraan colpisce sin dall’inizio con la sua eleganza e la sua capacità oratoria. Il fascino che emana la sua persona lo rende temibile: chiunque lo avvicini, non può sottrarsi alla seduzione della sua voce calda e sensuale, perdendo perfino di vista il valore delle sue parole per lasciarsi avvolgere, o cullare da essa. Riassume in sé la forza dell’eloquenza, la determinazione, la capacità di piegare la volontà altrui alla propria senza minacce dirette: gode nel vedere gli altri soccombere davanti alla sua placida calma, si bea nel far perdere le staffe al prossimo. Lui, al contrario, non perde quasi mai la pazienza, trova il modo di sorridere anche quando vorrebbe lasciarsi prendere dall’ira e s’infuria con se stesso quando perde il controllo.
È un uomo assetato di potere e disposto a tutto pur di ottenerlo. Non esercita il potere per un motivo preciso: lo ama. Ogni sua frase, ogni mossa, ogni pausa o ogni parola sono soppesate, calcolate e mirate per raggiungere uno scopo preciso: il Potere. A parte questo, nulla lo interessa veramente. Mazdraan lo confessa senza alcuna incertezza: «Ho tutto ciò che desidero e che il mio rango può offrirmi. Perciò perché non impegnarmi nella ricerca proibita per raggiungere ciò che ogni uomo in fondo al suo cuore desidera? Il Potere sugli altri, sul Mondo, sul Tempo ma non quello apparente e volubile della sovranità, ma quello assoluto che si può ottenere solo andando oltre alla Legge del Suono Sacro».

Biografia:
Daniela Lojarro è nata a Torino. Terminati gli studi classici e musicali (canto e pianoforte), vince alcuni concorsi internazionali di canto che le aprono le porte fin da giovanissima a una carriera internazionale sui più prestigiosi palcoscenici in Europa, negli U.S.A., in Sud Corea, in Sud Africa nei ruoli di Lucia di Lammermoor, Gilda in Rigoletto e Violetta in Traviata. Alcuni brani che ha inciso sono entrati nelle colonne sonore di diversi film, fra i quali «The Departed» di M. Scorsese, «Il giovane Toscanini» di F. Zeffirelli e «I shot Andy Wharol» di M. Harron.
Si dedica anche all’insegnamento del canto e alla musico-terapia come terapista in audio-fonologia, una rieducazione della voce e dell’ascolto rivolta ad adulti o bambini con difficoltà nello sviluppo della lingua oppure ad attori, cantanti, commentatori televisivi, insegnanti, manager per sviluppare le potenzialità vocali.

***BUONA LETTURA***





LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...